Come risalire la china quando si è giù !

A quanti di voi è capitato almeno una volta nella vita di fallire un rapporto,di trovarsi in difficoltà finanziarie o avere una malattia imprevista? Ecco questi “imprevisti” ci possono mettere in ginocchio, e possiamo sentirci sconfitti, inadeguati o confusi.

Spesso è proprio quando tocchiamo il fondo che riusciamo, cambiando prospettiva a darci una nuova opportunità per guarire, risollevarci e continuare a vivere in un modo migliore.

uomopioggia

E’ proprio quando pensiamo che non ci sia più niente da fare che raschiando il fondo del barile scopriamo in noi risorse potenti ed inaspettate come il coraggio e la determinazione, che ci aiutano a dare “la svolta”.

Proprio grazie a questo, accedi di diritto al titolo di “sopravvissuto dalle infinite risorse“. Qualsiasi passo tu faccia per andare avanti malgrado tutto, merita il titolo di “eroico” non importa quanto piccolo, apparentemente questo passo sembri. Condisci il tutto con gentilezza ed un sorriso sincero. Beh, per la mia esperienza puoi scalare le montagne anche a mani nude, poi.

La prima vera sfida, sono le frasi deprecabili che riusciamo solo noi stessi a dirci con convinzione ma che di fatto, non ci appartengono realmente, perché ereditate da generazioni passate di genitori e non solo. Frasi depotenzianti a cui dobbiamo decidere di rinunciare per sempre: “Io non ce la farò mai ad uscirne, sono troppo stanco per ricominciare, sono troppo grasso, troppo occupato, troppo difficile, troppo addolorato, troppo alto, troppo basso, troppi figli, troppi pochi figli, troppo debole,troppa paura etc..etc..etc… e che dire di “io non sono capace, oppure, io non sono abbastanza intelligente o abbastanza giovane, o non ne so abbastanza, o non ho abbastanza denaro, tempo e per concludere, la madre di tutte le frasi depotenzianti: Lo faccio da domani!”.

Probabilmente la via d’uscita è la veloce constatazione della situazione che stai vivendo e l’Azione immediata, pur piccola che “rompa lo schema” del comportamento che ti caratterizza in quel momento in cui sei: addolorata, depressa, arrabbiata, impaurita, delusa, o frustrata. Quindi se sei stato o sei nella “m…” fino al collo, accettalo, rompi lo “schema piagnucolone”, tira fuori “la grinta” e focalizzati sul primo passo, necessario e fondamentale, per poter decollare, verso l’alto cielo terso che ti attende e a cui rinunci ogni volta che neghi di “potercela fare”. So che ci sei già riuscito in passato, ricordalo e rivivi le emozioni potenzianti annesse!

Scommetto che non è stato facile! Per niente. E scommetto che hai dovuto tirar fuori tutta la tua forza e grinta per voltare le spalle a quella situazione particolare. Accade a tutti di tanto intanto di vivere esperienze nuove e disorientanti per un pò. In realtà delle vere benedizioni! Solo così impari la lezione. Così è la vita. Non è sempre semplice e non sempre va a gonfie vele. Ma noi siamo nati forti e capaci di lottare e di trasformare l’accaduto in una lezione positiva con una semplice decisione. Ricorda che: dove c’è buio, c’è la luce e dove c’è crescita, ci sono le battute d’arresto e viceversa.

visoinacqua

Non Importa da quale situazione stai partendo. Tutti e dico tutti hanno l’opportunità di decidere in qualunque momento di risalire la china e iniziare a guidare la propria vita sul livello che meritano.

Ma quante volte nella vita un uomo può risalire la china? “Settanta volte sette” che in aramaico, l’antica lingua di Gesù, significa “Infinite volte”. Quindi, qual’e’ l’azione che puoi mettere in atto subito, per risollevarti in questo preciso momento?

Ricordati che per cambiare uno stato d’animo, “il pronto soccorso dell’anima” è cambiare la tua fisiologia. Che ne pensi di tirar su le spalle, lavarti il viso, fare un bel sorriso, respirare profondamente e alzare lo sguardo dritto davanti a te? E come sarebbe poi, uscire a far due passi ed ascoltare musica gioiosa e piena di messaggi positivi?

Al prossimo post con gratitudine sempre

Write a comment

CHIUDI
CLOSE